REGISTRAZIONE NEWSLETTER
Ragione Sociale
Cognome
Nome
Indirizzo
Città
Provincia
Indirizzo E-mail*
Informativa sulla privacy
Il Cliente dichiara di aver preso visione dell'Informativa di cui all'art. 13 D.Lgs. 196/03, relativa al trattamento dei suoi dati personali. Il CLIENTE fornisce altresì libero ed informato consenso al trattamento dei propri dati personali, ivi inclusi i dati relativi al traffico telefonico e/o telematico e/o i dati relativi all'ubicazione da parte dell'A.N.C.A. e dei soggetti indicati al punto 5) dell'Informativa, ai fini dell'elaborazione degli stessi per finalità promozionali, fra cui potranno rientrare attività quali, la comunicazione e/o l'invio, anche con modalità automatizzate, di materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali tramite canali telefonici, SMS, MMS, video e modalità similari, posta elettronica, fax e/o in allegato alla fattura; il compimento di attività dirette ed indirette di vendita; l'inoltro di comunicazioni commerciali interattive; la proposizione di promozioni sugli attuali servizi e/o prodotti oggetto del contratto principale da Lei sottoscritto; la proposizione e l'attivazione di servizi telefonici o telematici ulteriori rispetto al contratto principale da Lei sottoscritto; la Sua partecipazione a programmi a premio. Tale trattamento potrà essere effettuato anche mediante il trasferimento dei dati personali verso paesi non appartenenti all'Unione Europea secondo quanto previsto dal punto 6 dell'Informativa.

 Autorizzo

   REGISTRAZIONE NEWSLETTER


La tua registrazione

è stata effettuata correttamente, grazie.
ASSOCIAZIONE NAZIONALE CASE D'ASTACASE D'ASTA ASSOCIATE ALL' A.N.C.AREGOLAMENTOCONTATTIFUNZIONI DEL SITONEWS
   
  LOTTO PRECEDENTE   LOTTO SUCCESSIVO  
Casa d'Asta   EURANTICO
Asta   IMPORTANTE VENDITA ALL'ASTA DI MOBILI, DIPINTI, SCULTURE ED OGGETTISTICA PROVENIENTI DA TRE EREDITA' INDIVISE e da altre committenze private
Data dell'Asta   10/04/2014 - 13/04/2014

Asta n.   77
Lotto n.   1067

Artista   Francesco De Mura (Napoli, 1696-1784).
Titolo   San Giuseppe e il Bambino.
Categoria   dipinti
Base d'Asta   € 4.500
Olio su tela, con cornice. cm62x49 **Il dipinto è singolare e riuscito esempio della devozione privata al culto di San Giuseppe, assai radicato nel Seicento e nel Settecento. Il tema va annoverato tra i soggetti più frequenti della pittura napoletana di epoca barocca, in cui si cimentarono, tra gli altri, Francesco De Mura, Luca Giordano e Francesco Solimena. Il bambino, preso dal vero, dal viso paffuto guarda il padre putativo con il braccio sollevato quasi ad abbracciarlo, il piedino scalcia in avanti. Giuseppe invece, non guarda il piccolo; il suo sguardo rivolto in basso sembra seguire, assorto ed in preghiera, una visione mistica. Anche il suo abbigliamento all’antica e il cuscino di velluto cremisi su cui siede il bambino richiamano l’iconografia religiosa piuttosto che le affettuose carezze di Gesù. La scena si ambienta in un interno scabro, il che contribuisce a conferire un orizzonte domestico alla prodigiosa apparizione. I forti contrasti tra luci e ombre e la solidità quasi scultorea con cui è reso il panneggio di Giuseppe rimandano ai modi di Francesco De Mura. Su basi stilistiche la datazione dell’opera è da collocare nella fase delle opere giovanili del pittore. Francesco De Mura entrò nella bottega di Solimena nel 1708, restandovi fino al 1730. Nello stile del maestro realizzò le sue prime opere, tra le quali figura il Cristo morto con san Giovanni per la chiesa di San Girolamo delle Monache a Mezzocannone (ca. 1713). Tra il 1727 e il 1728 portò a compimento undici tele per la chiesa di santa Maria Donnaromita, schiarendo la sua tavolozza ed elaborando uno stile autonomo che interpreta originalmente l’Arcadia allora di moda. Segue un breve soggiorno a Torino (1741-43), dove il pittore eseguì affreschi a Palazzo Reale. Di nuovo a Napoli De Mura realizzò opere importanti di gusto rococò tra cui la Allegoria delle arti (Parigi, Museo del Louvre). La sua fama oramai consolidata lo portò ad essere ricevuto alla corte spagnola e a diventare, alla morte di Solimena nel 1747, il pittore più importante a Napoli, ruolo che mantenne fino alla morte, avvenuta nel 1782.
   
 

INFORMAZIONI

TEST
PRIVACY
FUNZIONI DEL SITO
NEWS
CONTATTI
REGOLAMENTO
CASE D'ASTA ASSOCIATE ALL' A.N.C.A
ASSOCIAZIONE NAZIONALE CASE D'ASTA

CASE D'ASTE ASSOCIATE

ASTE BOLAFFI - Archaion
BLINDARTE
CAMBI CASA D'ASTE
CAPITOLIUM ART
EURANTICO
FARSETTIARTE
FIDESARTE
INTERNATIONAL ART SALE
MAISON BIBELOT CASA D'ASTE
MEETING ART CASA D'ASTE
PANDOLFINI CASA D'ASTE
POLESCHI CASA D'ASTE
PORRO AND C. ART CONSULTING
SANT'AGOSTINO
STUDIO D'ARTE MARTINI
VON MORENBERG CASA D'ASTE

PRESIDENZA:
Sonia Farsetti c/o Farsettiarte, viale della Repubblica (area museo Pecci), 59100 - Prato

VICEPRESIDENZA:
Claudio Carioggia c/o Sant'Agostino Casa d'Aste, corso Tassoni 56
10144 - Torino

SEGRETERIA: Gabriele Crepaldi c/o Farsettiarte, Portichetto di via Manzoni, 20121 - Milano