REGISTRAZIONE NEWSLETTER
Ragione Sociale
Cognome
Nome
Indirizzo
Città
Provincia
Indirizzo E-mail*
Informativa sulla privacy
Il Cliente dichiara di aver preso visione dell'Informativa di cui all'art. 13 D.Lgs. 196/03, relativa al trattamento dei suoi dati personali. Il CLIENTE fornisce altresì libero ed informato consenso al trattamento dei propri dati personali, ivi inclusi i dati relativi al traffico telefonico e/o telematico e/o i dati relativi all'ubicazione da parte dell'A.N.C.A. e dei soggetti indicati al punto 5) dell'Informativa, ai fini dell'elaborazione degli stessi per finalità promozionali, fra cui potranno rientrare attività quali, la comunicazione e/o l'invio, anche con modalità automatizzate, di materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali tramite canali telefonici, SMS, MMS, video e modalità similari, posta elettronica, fax e/o in allegato alla fattura; il compimento di attività dirette ed indirette di vendita; l'inoltro di comunicazioni commerciali interattive; la proposizione di promozioni sugli attuali servizi e/o prodotti oggetto del contratto principale da Lei sottoscritto; la proposizione e l'attivazione di servizi telefonici o telematici ulteriori rispetto al contratto principale da Lei sottoscritto; la Sua partecipazione a programmi a premio. Tale trattamento potrà essere effettuato anche mediante il trasferimento dei dati personali verso paesi non appartenenti all'Unione Europea secondo quanto previsto dal punto 6 dell'Informativa.

 Autorizzo

   REGISTRAZIONE NEWSLETTER


La tua registrazione

è stata effettuata correttamente, grazie.
ASSOCIAZIONE NAZIONALE CASE D'ASTACASE D'ASTA ASSOCIATE ALL' A.N.C.AREGOLAMENTOCONTATTIFUNZIONI DEL SITONEWS
   
  LOTTO PRECEDENTE   LOTTO SUCCESSIVO  
Casa d'Asta   MEETING ART CASA D'ASTE
Asta   Asta 775 - DIPINTI E ARREDI ANTICHI
Data dell'Asta   25/04/2014 - 04/05/2014

Asta n.   775
Lotto n.   470

Artista   MOBILE DEL XVIII SECOLO
Base d'Asta   € 140.000
ECCEZIONALE SCRIVANIA A RIBALTA A TRE CASSETTI, TORINO, 1735-1740
LUIGI PRINOTTO (Cissone delle Langhe 1685-Torino 1780)
Cm 108x56,5 alt. 102,5.

Provenienza: collezione privata, Torino.

La struttura in pioppo è interamente rivestita di marqueterie in essenze varie (noce d'India, violetto, bosso, ebano, radica di olmo), con apparato ornamentale a nastri intrecciati, palmette, tralci e griglie in legni vari, avorio inciso e madreperla, e istoriato con figure e momenti di caccia in avorio inciso. Le scenette figurate sono cinque entro cartelle distribuite sul coperchio e sui fianchi, una nel grande cartiglio sull'abattant, e tre a sviluppo continuo sulla fronte dei cassetti (il primo dei quali è un finto tiretto, e nasconde un vano al quale si accede dall'interno). Interno con semplice struttura a cassettini, in noce naturale. Gambe alte a doppia "C" contrapposta terminanti in ricciolo.
Stato di conservazione: molto buono. Una delle gambe posteriori rifatta.

L'attribuzione a Prinotto appare fuori di ogni dubbio, sulla base della concezione generale del rivestimento intarsiato, del disegno dell'insieme e delle sue parti. Soprattutto, fanno fede della paternità prinottiana le scenette istoriate nell'avorio, per le quali l'ebanista si avvalse -come in buona parte della sua produzione - di disegni di Pietro Domenico Olivero, trasposti nel prezioso materiale e incisi con bulino estremamente abile, che conserva il gustoso realismo pittorico e la fluidità degli atteggiamenti e dei movimenti propri degli originali. Per quanto non garantita da prove documentali, la derivazione da Olivero delle "storie" che rendono affascinanti i mobili di Prinotto è lampante (si veda per esempio con l'album dei disegni del pittore conservato a Palazzo Madama), e sorretta dal valido indizio che tra i due intercorreva un rapporto di amicizia, tanto che Olivero fu padrino di battesimo del secondo figlio di Prinotto, nel 1718.
Nelle sue opere, soprattutto in quelle di committenza privata, l'ebanista - la cui grandezza è seconda soltanto a quella di Piffetti - sottoponeva i disegni del pittore ad un gioco di scomposizione e ricomposizione, variando e riaccostando figure, gruppi e squarci di paesaggi in maniera nuova di mobile in mobile. Il confronto fra le opere uscite dalla bottega di Prinotto permette di ritrovare lo stesso elemento figurativo (figura, scenetta, animale o paesaggio) più volte in contesti diversi, il che costituisce non solo motivo di curiosità, ma offre un riscontro attributivo, quando l'elemento comune presenti anche qualità di disegno e di incisione comparabili. Applicata alle scenette in avorio del presente mobile, la ricerca ha dato una pluralità di riscontri, al di là dell'evidente comunanza generale di "mano". Se ne citano alcune, ma molte altre sono possibili, in maniera più o meno stretta eppure indubitabile. La narrazione "pittorica" distribuita in continuità sui cassetti è tratta all'80% dalla superba mazzarina della Collezione Giuseppe Rossi passata nell'asta Sotheby's del 10 marzo 1999, una delle più belle fra quante sono note di Prinotto, realizzata con ogni probabilità una decina d'anni prima del nostro mobile. Precisamente: il gruppo dei tre cavalieri in corsa, l'ultimo dei quali disarcionato dal cavallo, che appare sul primo cassetto, è lo stesso del secondo cassetto della colonna di destra della mazzarina (da notare che il cavaliere disarcionato si ritrova identico anche se tratteggiato con minore cura in un cassettone sicuramente di Prinotto appartenente a collezione privata e pubblicato alle pp. 125-127 del mio recente volume "Il mobile piemontese nel Settecento" (fig. 10). L'elegante piccola carrozza con due dame a bordo seguita da un battitore a piedi con cappello piumato e da un cavaliere (cassetto centrale della ribalta), ripete la scena raffigurata nel terzo cassetto della colonna di destra della mazzarina, ma in quest'ultima battitore e cavaliere precedono la carrozza.
   
 

INFORMAZIONI

TEST
PRIVACY
FUNZIONI DEL SITO
NEWS
CONTATTI
REGOLAMENTO
CASE D'ASTA ASSOCIATE ALL' A.N.C.A
ASSOCIAZIONE NAZIONALE CASE D'ASTA

CASE D'ASTE ASSOCIATE

ASTE BOLAFFI - Archaion
BLINDARTE
CAMBI CASA D'ASTE
CAPITOLIUM ART
EURANTICO
FARSETTIARTE
FIDESARTE
INTERNATIONAL ART SALE
MAISON BIBELOT CASA D'ASTE
MEETING ART CASA D'ASTE
PANDOLFINI CASA D'ASTE
POLESCHI CASA D'ASTE
PORRO AND C. ART CONSULTING
SANT'AGOSTINO
STUDIO D'ARTE MARTINI
VON MORENBERG CASA D'ASTE

PRESIDENZA:
Sonia Farsetti c/o Farsettiarte, viale della Repubblica (area museo Pecci), 59100 - Prato

VICEPRESIDENZA:
Claudio Carioggia c/o Sant'Agostino Casa d'Aste, corso Tassoni 56
10144 - Torino

SEGRETERIA: Gabriele Crepaldi c/o Farsettiarte, Portichetto di via Manzoni, 20121 - Milano